Contributo a fondo perduto: le novità del decreto Agosto


Fonte: Corriere della Sera 11/08/2020

Il decreto Agosto ha aumentato i fondi per i settori del turismo, della ristorazione e della cultura, maggiormente colpiti dagli effetti del lockdown. È previsto uno specifico finanziamento per gli esercizi di ristorazione che abbiano subito una perdita di fatturato da marzo a giugno 2020 di almeno il 25% rispetto allo stesso periodo del 2019. Potranno ottenere un contributo a fondo perduto per l’acquisto di prodotti di filiere agricole, alimentari e vitivinicole da materia prima italiana. Il contributo minimo è di 2.500 euro.
Inoltre, 400 milioni extra andranno come contributo a fondo perduto per gli esercenti dei centri storici che abbiano registrato a giugno 2020 un calo del 50% del fatturato rispetto allo stesso mese del 2019. Il contributo minimo è di 1.000 euro per le persone fisiche e di 2.000 per i soggetti diversi. I centri storici interessati sono stati individuati in 29 città. Il criterio scelto per entrare nella lista è il numero dei turisti stranieri che abitualmente li visitavano. Avranno diritto al contributo i commercianti che a giugno di quest’anno hanno avuto un fatturato inferiore alla metà di quello realizzato nello stesso mese dell’anno scorso. L’indennizzo coprirà una parte di questa differenza, con uno sforzo maggiore per i più piccoli: il 20% della differenza per chi l’anno scorso aveva ricavi fino 400 mila euro, il 15% per ricavi tra 400 mila e un milione di euro, il 10% per ricavi superiori al milione di euro.

Elenco Città interessate dal contributo a Fondo Perduto per gli esercenti dei centri storici:  Venezia 42,6
Verbania 26
Firenze 21,5
Rimini 15,3
Siena 11,6
Pisa 9,9
Roma 7,6
Como 7,2
Verona 6,4
Milano 5,8
Urbino 5,7
Bologna 4,2
La Spezia 4,2
Ravenna 4,2
Bolzano 4,1
Bergamo 3,8
Lucca 3,7
Matera 3,4
Padova 3,3
Agrigento 3,3
Siracusa 3
Ragusa 3
Napoli 2,2
Cagliari 1,8
Catania 1,7
Genova 1,6
Palermo 1,3
Torino 1,3
Bari 1,3

pisajpg