Negli ultimi anni si è sentito parlare sempre con maggiore insistenza di welfare aziendale. Ma cos’è? E come si può sfruttare al meglio per affrontare al meglio l’emergenza COVID19? Cerchiamo di fare chiarezza su questo particolare argomento che riguarda molte persone.

Il welfare aziendale è l’insieme di beni e servizi messi a disposizione dell’azienda per migliorare il benessere del lavoratore e della sua famiglia. Un buon sistema di welfare aziendale deve raggiungere due obiettivi, concettualmente opposti, allo stesso tempo:

 

Come ottenere un buon piano di welfare aziendale?

Per ottenere un buon piano di welfare, bisogna innanzitutto operare una valutazione riguardo alle necessità dei lavoratori presenti in azienda e la loro possibile soddisfazione. Un confronto con i diretti interessati, ed eventualmente le associazioni sindacali che li rappresentano, potrebbe essere utile e costruttivo.

Il team di Aiuto Fiscale è sempre a disposizione per valutare la soluzione migliore per la tua azienda. Sia per l’insieme di beni e servizi da mettere a disposizione dei lavoratori, in base alle loro esigenze e all’effettivo costo aziendale, sia nel confronto con le organizzazioni sindacali.

Esempi di welfare aziendale e felixible benefit

Un esempio tipico di welfare aziendale è l’assicurazione sanitaria integrativa. Questa prevede un rimborso delle spese mediche estese anche ai familiari del lavoratore, convenzioni presso studi medici, checkup sullo stato di salute e anche donazione del sangue.

Dalla crisi del 2008, le aziende hanno avuto sempre meno fondi da dedicare a piani di welfare aziendali. In alcuni casi sono stati addirittura azzerati i bonus, in altri ha preso vita la soluzione dei cosiddetti Flexible Benefit. 

Questi non sono altro che bonus e sostentamenti “su misura”, completamente personalizzabili in base alle esigenze, all’età e agli stili di vita dei lavoratori. Sono bonus “flessibili” perché dà la possibilità al lavorare di scegliere il proprio pacchetto personalizzato di benefit in base al budget di spesa definito dall’azienda preventivamente. I più gettonati sono:

Anche lo smartworking rientra tra le forme di welfare aziendale. Questo perché ha lo scopo di conciliare in modo flessibile i vari momenti della giornata, grazie a una maggiore autonomia spazio-temporale nell’organizzazione del proprio lavoro.

Contattaci per una consulenza di direzione in merito ai piani di welfare.

 

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *